Cell: +39.3296941980 - E-mail: info@cristofarocapuano.it
HomeEconomia dei comportamentiL’unica certezza è un futuro incerto

L’unica certezza è un futuro incerto

“Quello che ti aspetti da un Investimento non è quasi mai ciò che accadrà”

Bisogna acquisire una nuova consapevolezza, l’andamento di un qualsiasi investimento è imprevedibile,  questa è l’unica cosa certa.

Fig.1

L’investitore medio proietta le sue aspettative in modo lineare pensando che passerà da A a B (vedi figura) senza subire alcun oscillazione negativa, è una sorta di ottimismo irrazionale,  che ci aiuta a superare la paura di dover trasferire i nostri soldi nel futuro senza sapere che destino avranno.

E’ questa separazione da qualcosa che per noi conta molto a condizionare le nostre aspettative.

Ma la realtà è tutt’altro, non esiste nulla che non oscilli o che non contempli un rischio, il concetto stesso di futuro contempla l’incertezza ed in quanto tale un rischio.

Per gestire consapevolmente le imprevedibili oscillazioni dei mercati è fondamentale munirsi di un Processo Di Investimento  che parta da due aspetti principali:

  1. identificare i propri  obiettivi di vita;
  2. la liquidità minima da tenere in portafoglio.

Definiti questi due aspetti, il passo successivo è  la costruzione di un metodo, un insieme di regole chiare,  grazie alle quali selezionare ed allocare le risorse da investire per ogni singolo obiettivo.

Un buon  Investitore è consapevole di questa incertezza e adotta comportamenti tali da affrontare i rischi futuri coscientemente, con la consapevolezza di poterli gestire al meglio.

Il terzo step, forse il più difficile, è quello di adottare delle sane abitudini finanziarie (comportamenti) capaci di eliminare quelle  reazioni emotive che scaturiscono da eventi negativi ed  inaspettati del mercato.

Metodo e Comportamenti rappresenteranno gli strumenti di navigazione grazie ai quali porre in essere scelte ponderate e consapevoli.

L’ultimo passo è quello del monitoraggio periodico, una sorta di punto nave che ci consentirà di valutare il grado di raggiungimento degli obiettivi e se il caso rivedere alcune scelte già fatte o, nel caso in cui le nostre condizioni di vita (familiare, sociale etc.) siano cambiate, rivedere  gli obiettivi prefissati  in origine.

Fig.2

Un Processo d’investimento, dunque, è un qualcosa di molto dinamico che si adatta alle differenti evoluzione del contesto finanziario in cui investiamo controllando costantemente se siamo o meno in linea con i nostri desiderata e cosa fare nel caso sia necessaria rivedere la rotta.

In questo modo limitiamo di molto  le nostre reazioni  emotivamente ai differenti andamenti di mercato in quanto la nostra attenzione sarà orientata sugli obiettivi di vita nonché sulla rotta che stiamo tracciando per ottenerli. non saremo concentrati sul risultato finale (rendimento) ma sul percorso che stiamo facendo (processo).

Del resto, la storia ci ha insegnato  che  reagire impulsivamente al verificarsi di un evento finanziario  negativo  è anche inutile in quanto: c’è sempre la quiete dopo la tempesta.

Conoscere la storia dei mercati è un modo semplice per capirne la natura ed imparare a gestirne i crolli. Il Grafico è molto chiaro e semplice da leggere, sono rappresentati i principali cali di mercato dagli anni cinquanta ad oggi In blu è indicata la durata (mesi), in celeste la  perdita percentuale ed, infine,  in arancione i tempi di recupero (in mesi).

Nell’ipotesi peggiore il recupero è durato 69 mesi (quasi 6 anni), ma per chi investe in azionario adottando un processo ben definito,  i periodi di recupero non rappresentano altro che occasioni di acquisto (sia attraverso un ribilanciamento del portafoglio sia attraverso strumenti come i Piani di accumulo).

Un investitore consapevole della natura dei mercati azionari approfitta dei cali e semina i suoi risparmi lungo i periodi bui quando il terreno è più fertile per cogliere i frutti negli anni successivi.

Per questo non devi mai scappare dal mercato quando crolla ma imparare a pianificare il tuo shopping a prezzi scontati.

Fig. 3

In sintesi, un investitore prima di avviare una concreta ed efficace pianificazione finanziaria dovrebbe acquisire una nuova mentalità (mindset) che lo porti a godere del processo e non a preoccuparsi del risultato.

Un accurato processo genera sempre buoni risultati se supportato da un nuovo atteggiamento mentale che fondi la sua forza su 3 ingredienti principali, Diversificazione, Tempo e Resistenza:

  1. il Controllo del rischio attraverso la  diversificazione, la slide ad esempio mostra come un asset 60/40 (azioni, obbligazioni) riesca a contenere le perdite anche nei momenti più complessi.
  2. la Gestione del tempo e la consapecolezza  che le perdite (con un asset ben diversificato) sono fenomeni temporanei che vanno via col tempo (come l’acne), sempre la slide ci consente di osservare come volgendo lo sguardo dai rendimenti annuali a quelli quinquennali, le perdite si riducono ad un inezia quasi irrilevante.
  1. la Comprensione  delle nostre emozioni, per evitare di reagire istintivamente e RESISTERE alla tentazione di abbandonare il tavolo.

fig.4

Processo d’investimento => Metodo + Comportamenti => Scelte Consapevoli => Risultati

“Per un Investitore cambiare prospettiva vale molto più che studiare un saggio di economia”

Cristofaro Capuano

No comments

leave a comment