Cell: +39.3296941980 - E-mail: info@cristofarocapuano.it
HomePianificazione FinanziariaÈ la capacità di gestire le “perdite” che genera grandi performance.

È la capacità di gestire le “perdite” che genera grandi performance.

Comprendere la natura delle cose prima di agire.

In questi ultimi mesi molti  clienti mi stanno chiedendo se è preoccupante l’attuale situazione dei mercati e se forse è meglio uscire per aspettare tempi migliori.

La mia risposta ovviamente cambia in ragione del cliente delle sue esigenze e degli obiettivi che insieme ci siamo prefissati.

Volendo però dare una risposta un po’ più ampia, capace di aiutare tutti a comprendere meglio questo momento, è opportuno dare uno sguardo a questa tabella che mostra tutti i peggiori ribasso dei mercati azionari ed obbligazionari dal 1989 a giugno 2018.

Le osservazioni che si possono fare sono molteplici.

  • In primo luogo la tabella ci mostra in modo chiaro lametta differenza di oscillazione (rischio percepito) tra azionario (il cui Max DrawDown è stato del -55% su S&P500) e  obbligazionario (dove la discesa massima si è fermata a solo il -6,6%)
  • Il seconda  aspetto che mi va di porre alla tua attenzione è relativo esclusivamente al comportamento del mercato azionario (S&P500) in questi ultimi 30 anni. 

Nel 1989 l’S&P500 valeva (largo circa) 355 punti, nel giugno 2018 valeva (sempre largo circa) 2700 punti con un incremento di valore di ben 2345 punti pari ad una percentuale del 660,56%!

vanguard s&p 500-figure-1

Eccezionale, incredibile, … ma sei sicuro!?

Queste sono le reazione di chi si sofferma  per la prima volta davanti a questi dati.

Ma il vero aspetto  importante non sono le performance ma le perdite o meglio dire la capacità da parte nostra di capire che questi risultati sono figli di una costante ed INELIMINABILE OSCILLAZIONE (chiamata da tutti rischio)!

la tabella ancora una volta ci viene in aiuto mostrandoci in modo chiaro cosa avremmo dovuto sopportare (in termini di perdite momentanee)  in questi  ultimi 30 anni  per guadagnare 660,56%!

Ed ecco i risultati e le analisi sulle perdite di questi 30 anni:

  • la perdita più profonda è stata del -55%, 
  • abbiamo  avuto solo un altro crollo importante del – 47% poi tutti i DrawDown sono stati inferiori al 20%
  • la media delle oscillazioni negative in ogni caso si attesta proprio intorno al – 20%.

In conclusione (al netto delle analisi delle esigenze, della disponibilità di tempo del rischio sostenibile etc..) cosa devi fare  se vuoi guadagnare sui mercati azionari?

Semplice, 

  1. imparare a conoscere la natura dell’asset in cui investi (in questo caso si trattava del Mercato azionario), 
  2. comprendere che momentanee perdite anche molto profondo fanno parte del naturale andamento del mercato,
  3. comprare tempo, dedicare tempo agli investimenti, più il rischio si alza più dobbiamo “COMPRARE TEMPO” il tempo è il motore di ogni performance (vedi articolo sul rendimento composto).

In fondo INVESTIRE È FACILE MA NON È SEMPLICE 

No comments

leave a comment