Cell: +39.3296941980 - E-mail: info@cristofarocapuano.it
HomeI miei postIl Bluff Dell’ORO Dopo 40 anni -35% in Termini Reali!

Il Bluff Dell’ORO Dopo 40 anni -35% in Termini Reali!

Dal 1980 al 2020 l’Oro ha generato una perdita reale consistente ma allora  perché tenerlo in Portafoglio: “Effetto Trascinamento da MODA”.

L’oro, oggi è ritornato in voga grazie alle recenti performance, tutti innamorati delle performance e pochi a riflettere sull’effettiva generazione di valore dell’asset minerario.

Una cosa è certa l’Oro non è  uno strumento di investimento, come già spiegato in molti altri post l’oro è una convenzione sociale che non genera valore ma fa prezzo solo finché c’è domanda.

La moda degli ultimi mesi ripercorre un po’ quei periodi di euforia degli anni 80 quando raggiunse massimi mai visti prima per poi crollare e non riprendersi più se non dopo 40 anni!

Un recente studio di LPL Research mostra come l’investimento in oro negli ultimi 40 anni sia stato un vero e proprio bluff, chi lo avesse mantenuto in portafoglio ad oggi  avrebbe (al netto dell’inflazione) una perdita di oltre il – 35% !!!

C’è poco da dire le mode ci trascinano nelle nostre scelte e ci trascineranno sempre ma se volgiamo essere essenziali nei nostri investimenti dobbiamo partire dall’assunto che l’unico asset che crea “ricchezza reale” (al netto dell’inflazione”) e su cui possiamo avere relativa certezza di un adeguato ritorno nel tempo è l’economia globale, la crescita per innovazione, l’aumento di valore generato dalla continua ricerca di una vita migliore.

Strumenti come l’oro, le materie prime, le valute, etc. sono strumenti che fanno prezzo ma non esprimono un reale valore intrinseco, sono utili da utilizzare per fini speculativi, o di bilanciamento temporaneo del proprio portafoglio, ma  mai come bene rifugio di lungo periodo in quanto non vedo  alcuna  capacità di proteggere i nostri risparmi in un asset che ha una perdita del 35% dopo oltre 30 anni!

Investire seguendo  il gregge è semplice ma non sempre efficiente, volgi sempre lo sguardo  oltre le mode del momento.

Affidarsi ad un processo di investimento condiviso tra risparmiatore e consulente consente di evitare trappole ed errori cognitivi. cambiare prospettiva vale molto più che studiare un saggio di economia.

 

No comments

leave a comment