Cell: +39.3296941980 - E-mail: info@cristofarocapuano.it
HomeBenessere & PatrimoniFare esperienza non fa più conoscenza

Fare esperienza non fa più conoscenza

Dire ho 20 anni di esperienza nel settore finanziario non significa nulla, non ha alcun valore se quella vita spesa tra avvenimenti e persone non si è trasformata in “conoscenza”, e per farlo non dobbiamo avere fretta ma lasciare che ciò che ci accade si sedimenti dentro di noi ci faccia maturare un nuovo punto di vista una nuova visione delle cose.

Ecco spiegato il motivo per cui dopo oltre 20 anni molti investitori continuano a commettere sempre gli stessi errori nonostante decenni di esperienze!

Si, decenni, come gli ultimi due appena trascorsi che rappresentano proprio la sintesi perfetta dei nostri “comportamenti privi di esperienza formativa”.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

Il primo decennio, quello definito perduto (dal 2000 al 2010), i mercati azionari hanno avuto performance molto altalenanti e momenti di vero panico (2001, 2003, 2008), quelle esperienze non hanno formato i risparmiatori, ma li hanno allontanati dai mercati, la percezione del rischio è salita alle stelle e con l’inizio del nuovo decennio, pochissimi erano disposti a continuare a investire sui mercati azionari e nessuno, dico nessuno si sognava di apportare nuovi risparmi.

Peccato che il decennio successivo è stato battezzato il decennio dei record con guadagni esorbitanti e pochissimi momenti di calo.

Risultato?

Ora tutti disponibili a investire assumendo spesso rischi superiori ai propri profili, nascono piattaforme di trading una dietro l’altra, pubblicità di Robot Advisor che invitano gli investitori ad abbandonare i consulenti tanto oramai è troppo facile investire, si comprano certificati, etf, etn, etc, index linked, azioni unit, obbligazioni subordinate e in valuta etc… come col pane dal fornaio, senza capire nemmeno cosa si sta comprando.

Sento dire: “E’ semplice, costa poco  e si guadagna, cosa vuoi di più?”

La CONSAPEVOLEZZA!

Non c’è consapevolezza di ciò che si fa, ci affidiamo alla nostra  esperienza ma  non ci rendiamo conto che la stessa non ha generato  conoscenza, le nostre scelte sono indotte da false credenze, pregiudizi culturali e abitudini sbagliate.

Ma allora cosa fare?

Dobbiamo prevedere come sarà il prossimo decennio?

No. Nessuno lo sa.

L’unica cosa da fare è prendere tempo per  mettere a frutto la nostra esperienza, trasformarla in conoscenza e fare scelte consapevoli non più indotte da false credenze.

No comments

leave a comment