Cell: +39.3296941980 - E-mail: info@cristofarocapuano.it
HomeRisparmio & InvestimentiCome ha fatto la cina ad eliminare la povertà assoluta nella sua popolazione

Come ha fatto la cina ad eliminare la povertà assoluta nella sua popolazione

 
Si sa che quando si parla di Cina i dati (in questo caso fonte IMF) sono sempre da prendere con le pinze, ma al di là della puntualità del dato o meno, di certo il gigante asiatico in meno di 30 anni ha portato a termine una rivoluzione economico culturale senza precedenti rimanendo del resto nell’alveo della pianificazione sociale di stampo comunista.
 
Tralasciando le disquisizioni politiche (non sono temi trattati su questa pagina) un osservazione importante da fare è la visone ed il tempo in cui si sono definite le decisioni prese ed i progetti da attuare.
 
Il reale vantaggio competitivo che la Cina con le sue aziende presenta rispetto al resto del mondo è quello di poter pianificare in un tempo lungo la sua visione di crescita.
 
In occidente ormai siamo abituati a ricercare risultati nell’immediato (le trimestrali aziendali ne sono un esempio) rincorrere l’utile del giorno dopo abbandonando la pianificazione strategica. Stati, aziende e privati non pongono più attenzione sui progetti di lungo periodo ma si accontentano di ricercare risultati esclusivamente nel breve periodo,  a danno della reale crescita economica e di un sostenibile incremento della produttività.
 
Se a ciò si aggiunge che la Cina ha potuto mettere in campo tutta la sua potenza politica ed economica per imporre differenti normative sul lavoro, sull’inquinamento e le politiche commerciali il quadro diventa chiaro.
 
In meno di trent’anni il Dragone asiatico è divenuta la prima potenza mondiale per crescita del prodotto interno lordo, azzerando di fatto la povertà assoluta (1,9% della sua popolazione contro un 66% degli anni 90).
 
Il lungo periodo è la chiave di volta anche per lo sviluppo delle nazioni.
No comments

leave a comment