Cell: +39.3296941980 - E-mail: info@cristofarocapuano.it
HomeEconomia dei comportamenti4 Regole Per Migliorare il Rendimento dei Tuoi Investimenti

4 Regole Per Migliorare il Rendimento dei Tuoi Investimenti

Ieri abbiamo visto come uno degli errori più comuni che può commettere un investitore nella gestione del proprio portafoglio è l’elevata movimentazione degli asset nel tentativo di anticipare i mercati. Un modo concreto per evitare simili errori è quello di comprendere bene la natura dei mercati finanziari. Vediamo come.

Nel grafico di oggi (tratto da uno studio di Fisher Investments) presentiamo il trend rialzista del MSCI WORLD Index (l’indice azionario globale) degli ultimi 10 anni. Dal 2009 al 2019 l’indice globale azionario ha generato una performance del 100%. Questo straordinario risultato, però, non è stato indolore, per ben 8 volte abbiamo dovuto affrontare periodi difficili di ritracciamento (perdite).

L’investitore che ha saputo gestire questi momenti ha portato a casa una gran bella performance, chi invece si è lasciato coinvolgere emotivamente movimentando il portafoglio, non è riuscito ad ottenere buoni risultati. A questo punto la domanda è d’obbligo: in questi ultimi 10 anni quanti investitori presenti sul mercato azionario hanno ottenuto il 100% dal loro investimento?

Pochissimi!

Il motivo è semplice: troppa poca conoscenza della natura dei mercati azionari. Gli investitori troppo spesso si sentono grandi trader capaci di anticipare gli andamenti degli indici azionari “salendo e scendendo” da essi come se fossero seduti su una giostrina del luna park. Senza tralasciare il fatto che movimentare di continuo un portafoglio genera un aumento sostanziale dei costi operativi che riduce ulteriormente la performance attesa.

La verità è che è impossibile riuscire sempre ad anticipare i movimenti del mercato. E’ una questione di probabilità statistica; ti può andare bene una, due, tre volte ma è difficile che tu possa costantemente “prevedere” il futuro.

PER QUESTO MOTIVO NEL BREVE PERIODO POTRAI TOGLIERTI QUALCHE SODDISFAZIONE MA NEL MEDIO/ LUNGO SEI CONDANNATO A PERDERE: IL BANCO VINCE SEMPRE.

Ecco perché è importante capire l’anatomia del mercato e delle sue correzioni (perdite momentanee). Ad esempio, nell’attuale mercato rialzista, ci sono già state otto correzioni. la più lunga, dal 21 maggio 2015 all’11 febbraio 2016 ed ha provocato una perdita del -18,9%; la più profonda, invece, è stata quella del 2011 con uno storno di ben oltre 22 punti percentuali.

Ma, allora cosa possiamo imparare da tutto ciò?

4 regole semplici semplici:

L’elevata Frequenza: in media, c’è una correzione di mercato ogni anno e non possiamo pensare di anticiparla ogni volta.

La durata : la correzione media dura 71,6 giorni, durante i quali non dobbiamo spaventarci né uscire dai nostri asset.

La profondità: la correzione media comporta un calo del 15,6%. E’ naturale per il mercato azionario attraversare periodi con andamenti negativi anche importanti.

L’impatto: una correzione può provocare stati d’animo incontrollabili, incertezza, paura e allarmismo (anche mediatico), non dobbiamo farci trascinare in tali stati d’animo ma essere consapevoli che come sempre la correzione sarà riassorbita in un tempo più o meno lungo e che spesso queste correzioni possono rappresentare una opportunità di acquisto.

Conoscere ed applicare queste quattro regole può aiutarci ad ottenere buoni risultati senza grandi “scossoni” emotivi.

Anche in finanza la consapevolezza è l’unica via per crescere.

No comments

leave a comment